Bruxelles corporazioni

Una passeggiata a Bruxelles

Bruxelles è la capitale del Belgio e la visito durante un viaggio in Olanda sul finire dell’agosto 2007, poichè non voglio perdermi almeno un assaggio di questa capitale che mi ha sempre incuriosito. Merita sicuramente tornare con calma per potermi godere i vari quartieri che la compongono e la vita notturna nei tantissimi pub.

Bruxelles è nel cuore dell’ Europa ed è considerata la capitale dell’Unione Europea poichè ha sede il Parlamento europeo. La nostra visita inizia dalla splendida piazza principale, la Grand Place, dove si svolge il coloratissimo mercato dei fiori. Considerata una delle più belle piazze del mondo, è circondata da edifici storici, le case delle corporazioni e dai maggiori monumenti della città.

Il municipio è uno stupendo palazzo pubblico e la sua torre, la tour Inimitable, un assoluto capolavoro di architettura gotica. Al suo vertice, la statua del patrono San Michele che combatte il diavolo. E’ considerata tra le più belle torri civiche del mondo.

Il Municipio di Bruxelles
Il Municipio di Bruxelles con la Tour Inimitable (peccato abbiano tagliato la punta nella foto…)

Le case delle corporazioni presentano tutte delle bellissime decorazioni in oro e la Maison du Roi ha l’aspetto di uno scrigno in stile gotico: era l’antico mercato coperto del pane, edificio in legno poi sostituito con la versione in pietra che troviamo oggi. Questa piazza da sola merita la visita della città di Bruxelles! Mi è piaciuta tantissimo!

Bruxelles
La Maison du Roi
Bruxelles corporazioni
Nella Grand Place con alcune case delle corporazioni

Ci addentriamo nei vicoli delle viuzze, fiancheggiate da negozi e pub tipici, per comprare (o meglio, saccheggiare) il famoso cioccolato belga da portare a casa, poi assaggiamo anche i mitici waffles o gaufre, che nascono qui in Belgio, dolci a cialda ormai comuni anche in Italia, che io riempio di cioccolato e panna montata.

Arriviamo al famoso Manneken Pis, fontana con statuetta in bronzo di circa 50 cm, rappresentante un bambino che urina, simbolo della libertà dello spirito belga. Noi lo troviamo nudo, ma possiede una collezione di abiti comprendente più di 600 costumi esposta alla Maison du Roi. Viene vestito 36 volte l’anno e a seconda della data, possiede un determinato costume da indossare. La fontana si trova in pieno centro storico.

Bruxelles
Mi mangio un waffle!
Bruxelles
Davanti al simpatico Manneken Pis

Torniamo nella Grand Place e ci fermiamo a mangiare una porzione abbondante di patatine fritte, di cui io sono golosissima e mangio in quantità enormi anche a casa mia; non tutti sanno che il luogo di nascita è proprio in Belgio, per cui non possiamo farcele scappare, in uno dei tanti locali appositi, con più di 50 salse diverse tra cui scegliere come accompagnamento! Scelgo la maionese, che è la mia preferita! Posso confermare che sono strepitose e me le sogno ancora oggi!

Bruxelles
La mia meritata porzione abbondante di patatine fritte!

Proseguiamo con la visita del Palazzo Reale, del parco del Cinquantenario col famoso Arco e della Cattedrale di Bruxelles. In città si trovano anche diversi musei e per gli appassionati dei fumetti (molti dei quali nati qui, come i Puffi) ci sono il museo dedicato ad essi e la Casa dei fumetti, oltre a diversi murales in giro per le vie della città.

Tappa al monumento dell’ Atomium nel parco Heysel, che rappresenta i nove atomi di un cristallo di ferro, dalle cui sfere si può godere di un bellissimo panorama sulla città e si possono ammirare alcune mostre temporanee, oltre a passeggiare tra i tubi. E’ stato costruito in occasione dell’ Expo del 1958 e doveva essere una costruzione temporanea, ma visto l’estremo successo, è diventato uno dei simboli più popolari della città di Bruxelles e lì è rimasto.

Bruxelles
L’ Atomium

Meravigliosa la città di Bruxelles, mi ha colpito positivamente in questa breve visita, al punto tale che non vedo l’ora di tornarci! E non solo per le patatine fritte!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.