Qatar Doha

Qatar: Capodanno a Doha

Qatar Doha
Skyline di Doha

Per il Capodanno 2018 mi ritrovo ad avere inaspettatamente la possibilità di partire per un viaggio e prenoto all’ultimo, scegliendo una meta che non avevo ancora preso in considerazione: Doha. La città mi era in realtà rimasta in mente anni prima, avendo fatto scalo per una vacanza a Dubai. Avendo una settimana a disposizione e cercando una meta al caldo, dove poter riposare e fare anche mare, ho pensato subito al Qatar, distante solo 6 ore di volo, piccolo paese del Golfo Persico che si sta aprendo sempre più agli stranieri, offrendo non solo mare e centri commerciali da sogno come i vicini Emirati Arabi fanno già da diverso tempo, ma anche una tradizione vecchia di secoli, buona cucina ed avventura nel deserto.

Qatar Doha
Skyline di Doha

Si rivelerà una delle vacanze più azzeccate, forse perchè decisa all’ultimo e vissuta in piena spensieratezza, anche grazie alla spettacolare accoglienza di uno degli hotel più belli in cui siamo stati: lo Sheraton Grand Doha Resort & Convention Hotel è uno dei primi alberghi costruiti in città, a forma di piramide, con una vista spettacolare sul mare e sui moderni grattacieli di Doha, in ottima posizione sulle Corniche, la passeggiata che porta al centro storico.

Qatar Doha
Doha di sera, sullo sfondo la piramide dello Sheraton

In Qatar tutto è nuovo, pulito ed efficiente, è ancora una delle destinazioni meno turistiche del mondo, nonostante si stia trasformando rapidamente, con alberghi lussuosi affacciati su un mare cristallino, centri commerciali da sogno che sono vere e proprie opera d’arte da visitare e in cui passare le giornate, sculture rupestri e dune sabbiose.

Doha
Tra i grattacieli spicca l’Emiro del Qatar

Indipendente dal 1971, dopo varie dominazioni nei secoli è oggi, grazie al petrolio e al gas naturale, il paese più ricco del mondo. Il clima è ottimo tra dicembre e gennaio quando ci rechiamo noi, estivo di giorno, mentre per la sera basta una giacchetta. Come nei vicini e più conosciuti Emirati Arabi Uniti, il clima si fa torrido da aprile/maggio in avanti, per tornare vivibile da ottobre inoltrato.

Qatar Doha
Skyline serale di Doha

Molti fanno scalo a Doha e ne approfittano per un giro panoramico di un giorno, ma secondo me merita prenderla in considerazione per una vacanza di qualche giorno, noi non ci siamo mai annoiati. Nata come piccolo villaggio di pescatori, la capitale oggi è il simbolo della ricchezza del paese e polo universitario, che mira anche a conservare l’identità del suo passato e le tradizioni islamiche.

Qatar Doha
Doha la sera

Le giornate sono volate, tra un bagno in mare, un idromassaggio in piscina, un giro nei templi dello shopping e una passeggiata sulle Corniche, il famoso lungomare di circa 7 km fiancheggiato da palme, presente anche ad Abu Dhabi; quando cala la notte, è il luogo migliore per godere delle mille luci dei grattacieli in vetro e acciaio che formano il famoso skyline di Doha.

Corniche a Doha
Panorama sulle Corniche

La sera è molto piacevole ammirare il tramonto dalle tipiche barche a vela in legno (dhow), alcune molto antiche, presenti nel mondo arabo, come alle Maldive.

Qatar Doha
A bordo del dhow

Al termine delle Corniche, poco dopo il noto Monumento alla Perla, un’ostrica gigante (le perle sono una grande risorsa del paese), su un’isola artificiale sorge il Mia, Museo di Arte Islamica, che ospita una vasta collezione di enorme valore: suppellettili, abiti, gioielli, pregiate trascrizioni del Corano, provenienti da diversi paesi arabi (Siria, Iran…ma anche India e Spagna).

Doha
Monumento alla Perla, con dietro le imbarcazioni antiche (dhow)

La costruzione è stata progettata dallo stesso architetto della piramide del Louvre a Parigi, Ieoh Ming Pei, e sorge circondato dal mare e da un parco. Anche l’interno è spettacolare, molto luminoso e con una bellissima scala curva che porta al primo dei cinque piani. Dopo la visita, ci fermiamo al bar del museo per un pranzo veloce, con una bella vista sullo skyline della città.

Museo di Arte islamica in Qatar
Museo di arte islamica a Doha

Attraversando la strada, si arriva alla Moschea del Fanar, bellissima soprattutto di sera illuminata di verde, il colore dell’Islam. Di fronte, il Suq Waqif che nonostante sembri molto antico, è nato a metà del ‘900, ricreando gli ambienti tipici del Medio oriente, tra colori, profumi, spettacoli tradizionali e ristoranti.

Suq Waqif Doha
Al Suq Waqif
Qatar Doha
Tra i vicoli del Suq

Noi siamo stati un paio di volte perchè veramente grazioso, abbiamo fatto acquisti perdendoci nelle viuzze, tra negozietti tipici e bar, comprato stoffe, ammirato gioielli al Gold Souq e sorseggiato il tipico caffè arabo o il tè locale, il Karak tea: a me è piaciuto molto, è un tè misto al latte con spezie e zafferano.

Qatar Doha
Acquistando stoffe al Suq Waqif

Al Suq abbiamo cenato nel meraviglioso ristorante persiano Parisa.

Qatar Doha
Ristorante persiano Parisa

Ho acquistato anche un abaya, l’abito tipico delle donne nel colore nero (ne avevo già uno acquistato a Dubai), ce n’erano di ogni tipo, con pizzi, ricami, disegni oppure lisci e ho anche abbinato un niqab. Il niqab è composto da due parti, una è una sorta di fazzoletto leggero che copre naso e bocca, da legare sopra le orecchie, l’altra, che posso usare come foulard anche in altri luoghi del mondo, è un velo più largo, utilizzato per coprire i capelli.

Qatar Doha
Scorcio del Suq

Per quanto riguarda l’abbigliamento il Qatar è sicuramente tollerante verso i turisti, ma è un paese tradizionalista e ho preferito coprire gambe e braccia per rispetto. Anche in paesi come Marocco, Egitto o Giordania, mi sono sentita più a mio agio con abiti che rispettassero la cultura musulmana. Ho comunque visto donne con abiti sbracciati a fianco di amiche velate.

Qatar
Al Souq Waquif
Qatar abaya
Famiglia qatarina a Doha

La parte che mi è piaciuta meno è il Bird Souq, con tanti uccellini, cani, gatti e animali in gabbia…anche loro vengono venduti… paese che vai, usanza che trovi! Mentre ho apprezzato la parte con la stalla e i cavalli di pura razza araba.

Doha cavalli arabi
La stalla con i cavalli arabi

Ma il Souq Waqif è noto soprattutto per i falchi (Falcon Souq) e l’ospedale dove i qatarini portano i loro rapaci, con tanto di ricovero e cartelle cliniche. I falchi sono incatenati a terra e con il muso coperto: la falconeria è un’arte antichissima, parte integrante di ogni uomo qatariota e abbiamo visto, come da tradizione, i padri portare i bimbi piccoli a scegliere il primo falco.

Qatar Doha falconeria
Falcon Suq Doha
Ospedale dei falchi in Qatar a Doha
La clinica per i falchi

Ad ogni angolo spicca il viso stilizzato dell’Emiro, sui souvenir, sui finestrini delle auto, sui palazzi…

Qatar Doha
L’Emiro del Qatar

Un altro quartiere che abbiamo visitato al calar della sera, è il Villaggio Culturale Katara, costituito da edifici tradizionali, tra cui le tre torri che compongono la Pigeon Tower e un bellissimo anfiteatro con la piazza affacciata sulla spiaggia. Qui si svolgono spesso mostre, concerti ed attività culturali, e si trovano diversi ristoranti.

Qatar Doha Katara
Pigeon Tower al Katara di Doha
Qatar Doha
Al Katara Village

Noi scegliamo di cenare in quello palestinese (Ard Canaan), per terminare con un cappuccio arcobaleno al Caffè Al Jazeera, che presenta al suo interno alcuni preziosi cimeli della rete televisiva, la prima cinepresa utilizzata e uno schermo che riproduce senza sosta il noto tg. E’ divertente ordinare direttamente sul tavolo, che è praticamente un maxi schermo, nell’attesa dotato di giochi come fosse un vero e proprio tablet!

Qatar Doha Ard Canaan
Con una splendida ragazza da Ard Canaan
Qatar Doha Al Jazeera
Al Jazeera

Un’altra sera siamo stati al Pearl Qatar, un’isola artificiale che è praticamente un centro commerciale all’aperto, ma in realtà sembra una città dentro la città: negozi di lusso, ristoranti gourmet, fontane, appartamenti di lusso, yacht ormeggiati…non si ha la percezione di essere in un luogo finto, creato apposta, ma in un quartiere vero e proprio di Doha.

Doha Qatar
Pearl Qatar Doha

Un ultimo centro commerciale dove siamo stati (ma ce n’erano ancora un’infinità, abbiamo scelto quelli più caratteristici!) è il famoso Villaggio Mall, con all’interno la ricostruzione di Venezia, con tanto di canali, ponti e gondole che trasportano i turisti, il tutto costruito sotto dei soffitti meravigliosi che ritraggono il cielo con le nuvole e ovviamente, tanti negozi, pasticcerie e ristoranti! Mi ha colpito molto l’entrata, costruita in modo da ricreare una continua eco, ci siamo divertiti a urlare parole a caso come i bambini! All’esterno sorge l’Aspire Tower, uno dei grattacieli più alti di Doha.

Doha
Tra i canali di Venezia…in Qatar!

Volendo si possono anche effettuare un paio di escursioni fuori città, il paese è piccolo e si possono alternare relax e mare a qualche visita, come al Forte di Al Zubarah o spingersi fino al mare interno al confine con l’Arabia Saudita, una serie di lagune presenti nel deserto: qui si può arrivare in fuoristrada tra le dune, per poi fermarsi a cenare sotto le stelle in un campo beduino, esperienza che abbiamo già provato in altri paesi, come in Giordania. Il mare che penetra all’interno del deserto è un tratto distintivo del Qatar.

Sheraton Resort a Doha
Sole e relax allo Sheraton Doha

Per quanto riguarda la cucina, in Qatar si trovano ristoranti di ogni cucina del mondo e tutti di altissimo standard qualitativo: abbiamo assaggiato cibo italiano, giapponese, iraniano, palestinese… Le pietanze locali si basano sulla cucina araba: riso, spiedini di agnello e pollo al curry, ma anche carne di cammello, accompagnati da hummus, falafel e l’immancabile pane arabo.

Qatar Doha
Maqluba
Qatar Doha
Carne di cammello

Oltre alla carne, abbiamo apprezzato crostacei, ostriche, sushi, aragosta e pesci di ogni genere. Noi abbiamo provato la famosa steakhouse Nusr-et e il sontuoso ristorante Al Hubara, con grandiosi buffet, sia a colazione che a cena, entrambi all’interno del nostro hotel. Gustosissimi i dolci arabi, con miele, zucchero, pistacchi, (ad esempio i baklava, che abbiamo gustato anche a Istanbul o Cipro).

Qatar Sheraton Doha
Il buffet di SOLI dolci da Al Hubara
Nusr-et
Ormai di fama mondiale, da Nusr-et si mangia ottima carne

In Qatar, terra di contrasti, il lusso incontra le tradizioni, i moderni grattacieli si affacciano sull’oceano voltando le spalle al deserto, uomini vestiti nelle loro tuniche bianche passeggiano perennemente incollati ai loro cellulari e donne velate di tessuti preziosi fanno shopping quotidianamente da Tiffany e Prada.

Doha
Acquisti in Qatar
Doha
Al bancomat

Il Qatar, dove anche i rapaci possiedono un loro ospedale, è sempre più proiettato verso il futuro, desideroso di farsi conoscere al mondo, raggiungendo la fama della vicina Dubai.

Capodanno in Qatar
Buon anno dal Qatar!

6 commenti

    1. Io ho prenotato due giorni prima di partire, volevo andare al caldo ma non avevo i giorni necessari per volare, per esempio, fino ai Caraibi; alla fine mi è tornata in mente Doha, avevo fatto scalo anni prima andando in vacanza a Dubai. Sicuramente non ci si annoia, poi dipende dai gusti, non è come visitare Roma o il Perù, ma a me piace ogni genere, questa per me è stata proprio una bella vacanza, forse perchè ha coinciso anche con la festa di Capodanno che è sempre una festa spettacolare in tutte le città più importanti del mondo. Capisco anche la scelta di fare lo stop over, perchè chiaramente scegliendola come meta di un unico viaggio, i costi salgono parecchio tra volo e hotel solo per visitare in Qatar, però è andata bene così, abbiamo visto tante cose con calma.

  1. Non escludo in futuro di andare nella penisola araba, soprattutto perché mi affascinano molto i deserti. Secondo te, da questo punto di vista merita di più il Qatar o gli Emirati A. U.? E quanto a costi, il Qatar come lo collocheresti? Ciao e grazie per l’articolo molto interessante!

    1. Ciao, grazie per i complimenti! Il deserto è molto simile in entrambi i paesi, forse in Qatar è più particolare per il fatto che ci sia il mare interno tra le dune…ma sono entrambi belli! I costi sono ancora alti per il Qatar, noi abbiamo prenotato all’ultimo, ma ho riguardato quest’anno per fare un paragone, prenotando 4 mesi prima non cambiavano i costi per il volo e l’hotel che avevamo scelto…Anche ristoranti, attività, negozi, sono costosi. A noi interessa sia visitare che mangiar bene, per quanto riguarda lo shopping invece non siamo appassionati ma trovi tutti i marchi di lusso…Dubai, essendo più turistica, si riesce a organizzare ad un prezzo migliore, ma non sono mete economiche…

      1. Ok, grazie mille! Chiedevo solo per sapere se il Qatar era già ai livelli di Dubai quanto a costi, ma sono consapevole che non si tratta di mete economiche. 😁

      2. Secondo me, al momento è più costoso… però sono passati diversi anni da quando sono andata a Dubai e ad Abu Dhabi…credo che si possano trovare anche buoni prezzi per volo e hotel prenotando magari con anticipo! Mentre Doha non è ancora lanciata verso il turismo come gli Emirati…fammi sapere se andrai!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.