Alcuni medicinali in viaggio

La cosa più importante in viaggio è… la salute!

Per non rovinarsi qualsiasi tipo di viaggio e vacanza, è molto importante ricordarsi di portare le proprie medicine di uso abituale e anche altre per qualsiasi evenienza, poichè come ho sempre sentito dire, la fortuna è cieca ma la sfiga ci vede benissimo.

I medicinali che non dovrebbero mai mancare sono i seguenti:

antidolorifici, ad esempio il paracetamolo, per febbre o dolori di ogni genere, come il mal di testa.

antidiarroici, soprattutto se affrontate viaggi in paesi con condizioni precarie, dove dovrete adattarvi durante un tour oppure con forti sbalzi climatici.

antistaminici e cortisonici per le scottature, oltre a ricordarci di utilizzare sempre la crema solare protettiva.

– un piccolo kit di pronto soccorso con cerotti e disinfettante.

– se soffrite di mal di mare, aereo, auto, degli antiemetici, come la Xamamina (mi è servita alle Galapagos tra un’isola e l’altra!)

– le vostre personali medicine se seguite una specifica terapia (queste sono cose personali), come ad esempio Ventolin per asma anche improvvisa, o Diamox se affrontate viaggi in altitudini elevate senza troppo tempo a disposizione per acclimatarvi (non sottovalutate il mal di montagna!)

Io uso solitamente il Moment Rosa per il mal di testa, il Buscopan per il mal di pancia, il Foille per le scottature serie, Diarstop Giuliani o Imodium per attacchi di diarrea, Vivin C o Tachipirina se mi sembra mi stia venendo uno stato influenzale. Se sono a casa mia magari lascio sfogare senza imbottirmi di pastiglie, ma in viaggio mi raccomando prendete subito qualcosa ai primi sintomi per non rovinare la vacanza a voi e a chi vi sta intorno e non rischiare di perdere attrazioni che magari non vedrete più.

Vaccini viaggio
Libera di partire senza pensieri…(aeroporto di Madeira)

Prima di partire, una settimana abbondante di anticipo, inizio sempre una cura di fermenti lattici per abituare il corpo al cambiamento: li prendo spesso durante l’anno, lo farei anche non dovessi muovermi. Male non fanno. In generale, ricordatevi di non abbuffarvi a pranzo come non mangiaste da giorni per poi buttarvi in acqua senza aver digerito o sotto al sole caraibico a 40 gradi in piena digestione, prevenire è sempre meglio che curare, altrimenti i medicinali li prenderete di sicuro ma non è detto che servano.

Se andate in posti con 30 gradi all’ombra e ristoranti e negozi gelidi (praticamente ogni città americana e ormai anche europea), ricordatevi sempre di avere dietro un maglioncino da togliere e mettere: non è una stupidata. Non dormite senza pigiama o almeno indossate una canottina: non vi terrà caldo come credete, ma anzi assorbirà il sudore ed evitate aria condizionata o ventilatori diretti.

Nei posti più moderni, nelle grandi città, nei paesi sviluppati ci sono ottime strutture sanitarie, nei migliori resort dalle Maldive ai Caraibi avrete probabilmente il medico 24 ore su 24 disponibile e negozietti che vendono assorbenti, creme e altre necessità, portieri di hotel che avranno sempre da darvi una pastiglia per un mal di testa o altro (a me è successo in Giappone!), ma ci sono paesi dove l’assistenza medica non è a livelli a cui siamo abituati (tipo in Kenya) o non sono reperibili le medicine anche più semplici che pensiamo di trovare facilmente.

Usate la testa, viaggiare è questo: aprire la mente e ricordarsi che non è tutto come a casa nostra. Un inconveniente fa parte dell’avventura e può essere divertente raccontarlo agli amici al ritorno, una tragedia sottovalutata è da stupidi.

Non dimenticate mai le creme solari adatte al vostro fototipo, anche chi ha la pelle scura o crede di essere abituato a prendere il sole, può trovarsi in paesi dove il sole picchia in modo diverso a come si è abituati!

Porto Santo
A Porto Santo ci sono dei cartelli che indicano quanto siano pericolosi i raggi solari e la loro intensità a seconda del luogo

Altra cosa importantissima è stipulare una buona assicurazione, che vi fornisca assistenza medica in viaggio, soprattutto in paesi dove curarsi è molto costoso, come in USA. Consiglio sempre un’assicurazione completa, che copra anche in caso di annullamento viaggio o smarrimento bagagli, non partite mai senza averla stipulata. Nei viaggi organizzati è compresa, nei viaggi individuali fai da te no, quindi pensateci.

Informatevi molto bene sulle vaccinazioni da fare obbligatorie (senza le quali non vi faranno entrare nel paese una volta arrivati, fate voi…), quelle consigliate ( e se sono consigliate, un motivo ci sarà: valutate bene tipo di stagione, di rischi…) e quelle che sarebbero da fare anche stando a casa, ma non tutti lo sanno.

Vaccinarsi è corretto anche nei confronti di chi ci sta intorno! Ma parlerò in un altro articolo di vaccinazioni e problemi più seri. Per incominciare, portatevi sempre dietro un efficace spray antizanzare, come Autan Tropical o il Jungle molto forte (quello rosso)!

Alcuni medicinali in viaggio
Alcuni dei miei medicinali, non porto le scatole intere ma solo alcune pastiglie per tipo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.