Torri spagnole

Madrid, un weekend nella capitale di Spagna

La prima città di Spagna che scelgo di visitare, è la sua capitale e lo faccio nel marzo 2008, quando mi capita di avere a disposizione un weekend lungo. Madrid è molto elegante, signorile, con diverse piazze importanti e tre dei più importanti musei del mondo: il Museo del Prado, la pinacoteca Thyssen – Bornemisza e il Museo nazionale Centro de Arte Reina Sofia.

Il Palacio Real è la residenza ufficiale dei reali di Spagna, ma essi vivono al Palazzo della Zarzuela. Si possono visitare alcuni appartamenti ed assistere al cambio della guardia ed è uno dei più spettacolari palazzi d’Europa. Importante anche il Monasterio de las Descalzas Reales, adibito a museo oltre ad essere un convento.

Madrid Palacio Real
Palazzo Reale di Madrid

La piazza più bella di Madrid è per me Plaza Mayor, attraverso la quale si accede da nove porte, vi si trovano ristorantini e tavolini all’aperto ed è a pianta rettangolare, completamente chiusa da palazzi . Nel centro c’è la statua equestre di Felipe III Durante il giorno si possono vedere esibizioni di artisti di strada e mimi dai costumi più disparati. Da non perdere in questa zona, i famosi bocadillos de calamares, tipici di Madrid ( nonostante il mare sia tutt’altro che vicino) ovvero i panini a forma di mini baguette ricolmi di calamari fritti.

Parlando di cibo, ogni volta che metto piede in terra spagnola, non posso fare a meno di mangiare la classica paella, riso con misto di verdura, carne e pesce, anche se è un piatto tipico dell’Andalusia e non della città di Madrid, la si trova in tutta la Spagna. Altro piatto famoso in tutta la città, è il pulpo gallego, il polpo alla galiziana servito con patate, olio e paprika.

Plaza Mayor
Plaza Mayor
Bocadillo de calamares
L’imperdibile bocadillo de calamares

Altra zona turistica e luogo d’incontro è la Puerta del Sol, con l’orso, statua emblema della città ed un’insegna che indica il kilometro zero: da qui vengono calcolate tutte le distanze di Spagna. Merita una visita la Plaza de Cibeles. A me sono piaciute molto le torri di Puerta de Europa, in Piazza Castiglia: sono uno dei rari esempi al mondo di grattacieli inclinati e versione moderna di un arco trionfale.

Torri spagnole
Torri inclinate Puerta de Europa

Ma la strada simbolo  e il cuore di Madrid è la Gran Via, che negli anni ’50 e ’60 con i suoi teatri ricchi di musical e i grandi cinema, era considerata la Broadway spagnola. Ancora oggi vanno in scena bellissimi spettacoli, a fianco dei quali sono sorti negozi di lusso, grandi magazzini, palazzi d’epoca, ristoranti, sede di numerosi edifici storici della città. Le cime degli edifici sono spettacolari, come ad esempio la cupola del Metropolis, bisogna godersi la passeggiata guardando da ogni parte, davanti, di lato ma anche in alto! Al termine si trova la Plaza de Espana.

Mi piacerebbe tornare un giorno in questa città per approfondire la visita, è infatti per ora l’unica capitale in cui mi sono fermata pochissimi giorni, e anche per partecipare un po’ di più alla famosa vita notturna madrilena, conosciuta in tutto il mondo. Io ho soggiornato all’hotel Mercure Santo Domingo, vicino all’inizio della Gran Via e al Palacio Real, ottimo punto di partenza.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.