Madeira slitta Monte

Madeira, che sorpresa!

Madeira
Madeira…

Madeira si trova al largo delle coste africane, a circa 600 km di distanza, ma è una Regione autonoma appartenente al Portogallo, il suo nome evoca una meta esotica ma promettendo la sicurezza di una vacanza in stile europeo. Il clima è quello di un’eterna primavera, per cui è adatta da raggiungere tutto l’anno (durante l’inverno può piovere, ma appena esce il sole si può godere del mare come in estate), è un’isola piena di fiori e piante tropicali di ogni genere, dall’aloe alle bouganville di colori diversi, dai banani che crescono accanto a vigneti e alberi di mango e papaya.

Madeira
Innumerevoli i panorami di Madeira…

Il sole è caldo e tropicale e i paesaggi variano nel giro di pochi km, dai picchi montuosi alle falesie, dalla più grande foresta di Laurissilva ( che un tempo ricopriva anche buona parte delle Azzorre e delle Canarie, oggi è rimasta quasi unicamente a Madeira ed è stata dichiarata patrimonio dell’umanità dall’Unesco) fino a spiagge vulcaniche, percorsi nei boschi, paesini accoglienti e grotte sotterranee. In città si trova una statua dell’Imperatrice Sissi, che trascorse alcuni mesi a Madeira proprio per riprendersi da una tubercolosi polmonare grazie al magnifico clima dell’isola (anche se in realtà si mormora che come sempre, cercasse di fuggire dalla vita di corte e da un matrimonio infelice).

Madeira Cristo Rei
Panorami di Madeira

L’arcipelago di Madeira è costituito dalle isole Desertas e Selvagens (disabitate), dall’isola di Madeira stessa, da Porto Santo, isola che abbiamo raggiunto in traghetto, (completamente diversa e più adatta se si cerca la classica vita di mare) e dal piccolo Principato di Pontinha (che in realtà si trova a Madeira, non essendo riconosciuto come autonomo).

Madeira
Panorama da un miraduro

Il mare è tra i più ricchi in Europa per fare snorkeling (la Riserva Naturale di Garajau presenta diverse varietà di pesci) e al largo delle Ilhas Desertas vive una colonia di foche monache, animali che nel resto del mondo rischiano l’estinzione. Numerose le possibilità di escursioni in barca, dagli avvistamenti di balene e delfini, agli aperitivi al tramonto (molto caratteristica è quella sulla replica della caravella della Santa Maria). Insomma, una vera perla raggiungibile in ogni stagione! Noi la scopriamo nel luglio 2016; in realtà eravamo già interessati da qualche anno a questa destinazione (e anche alle Isole Azzorre!) ma per un motivo o per l’altro, ancora non l’avevamo visitata.

Madeira Santa Maria
Riproduzione della caravella Santa Maria

Tornati da un mese dalla Scozia, partiamo per una vacanza in quest’isola per scoprire che sarà solo un primo assaggio: le cose da fare sono veramente tante, merita tornare anche perchè possiamo dire di aver trovato un luogo del mondo non troppo lontano da casa, di cui ci siamo innamorati. Il volo dura circa tre ore fino a Lisbona, da dove ripartiamo per atterrare a Madeira dopo un’altra ora e mezza scarsa.

Un’attrattiva di Madeira sono le levadas, canali di acqua che costeggiano parallelamente km di sentieri immersi nella natura, adatti non solo per chi ama fare trekking. In alternativa, ci sono le veredas, sentieri senza canali. Un’altra particolarità dell’isola, sono le piscine naturali (come ad esempio quelle presenti a Porto Moniz) formatesi nelle scogliere vulcaniche e la cui acqua si ricambia al ritmo delle maree.

Madeira Portogallo
Tipici azulejos

Funchal è una città stupenda con uno splendido lungomare (dove sono situati il Museo e la statua dedicati a Ronaldo: il giocatore è in città per inaugurare il suo hotel, quindi ci godiamo una bella serata con fuochi d’artificio dedicati a lui!), chiese, musei e palazzi. La città vecchia è caratterizzata dal Mercado dos Lavradores e dall’arteria principale, la Rua de Santa Maria: la sera si anima, si può cenare ascoltando il fado (che non è una musica popolare ma un racconto cantato, all’inizio riservato ai nobili, oggi riconosciuto dall’Unesco come patrimonio dell’umanità) e osservando cantanti e ballerini che nei loro costumi tradizionali, propongono musica folkloristica. La via è caratteristica anche per le porte decorate da artisti di strada e i tanti ristorantini: noi ci fermiamo al Venda da Donna Maria per ascoltare il fado e cenare con diversi petiscos (tipo le tapas spagnole). Un’altra sera, ceniamo nell’elegante Taberna Madeira. I dolci tipici sono il bolo do mel, un impasto con frutta secca e miele, e i pastel de nata, piccole tortine di crema cotta.

Madeira Mercado do Lavradores
Al Mercado do Lavradores con una negoziante in abiti tipici
Madeira Funchal
Petiscos
Madeira Rua de Santa Maria
Porte dipinte nella Città Vecchia (Il Piccolo Principe, uno dei miei libri preferiti)

Piacevole un giro nel centro città (Baixa) nelle zone pedonali intorno alla Cattedrale, dove si trovano negozi e ristorantini, o lungo l’Avenida Arriaga, il viale di alberi di jacaranda che passa accanto ai parchi tropicali della città. In questa zona si trovano anche la Marina con gli yacht ormeggiati, il Cafè Ritz dove ci fermiamo per un aperitivo l’ultima sera e noto per gli azulejo della facciata risalenti agli anni ’20, la Igreja do Colegio, vasto complesso edilizio che fu sede dei gesuiti, e il Palacio de Sao Lourenco riconoscibile per i bastioni.

Madeira Funchal Ritz
Avenida Arriaga

La Praca Colombo è una piazza tranquilla con bar e palazzi muniti di robuste torri a pianta quadrata, particolarità architettonica che non si trova in altre zone del Portogallo. Gli scavi hanno portato in luce la Casas de Joao Esmeraldo, dove soggiornò Cristoforo Colombo. Per gli appassionati di musei, ricordiamo tra gli altri il Museo de Arte Sacra e quello de Historia Natural do Funchal. Imperdibile un giro nel vasto Parque de Santa Catarina,vicino al Casinò, e una degustazione del noto vino madera alla cantina D’Oliveiras.

Madeira Monte Funchal
Vista da Monte

Da Funchal si può prendere il Teleférico do Funchal che in circa 20 minuti porta a Monte, la parte alta della città che, oltre ad ospitare il Jardim Tropical Monte Palace, è sede di un’usanza di oltre 100 anni, esistente solo a Madeira: la discesa in “carros do cestos” da Monte a Funchal! Unica al mondo, a guidare sono due uomini con tradizionale abito bianco che a seconda della pendenza della strada, salgono sulla slitta in vimini o ne frenano la corsa per poi trascinarla. Assolutamente un’esperienza da non perdere, da restare senza fiato! I conducenti delle slitte (carreiros) sono una corporazione votata al proprio mestiere: per intraprendere questo lavoro, si deve discendere di famiglia. Le persone più ricche possedevano in passato una propria slitta privata, gli altri pagavano un biglietto come oggi fanno i turisti.

Madeira slitta Monte
La mitica discesa con le slitte in vimini da Monte

Da Monte prendiamo una seconda funicolare che in 10 minuti ci porta al bellissimo Jardim Botanico: è una gioia per gli occhi passeggiare tra palme, piante tropicali provenienti da tutto il mondo e che grazie al clima di Madeira non hanno problemi a riprodursi, piante endemiche e il bellissimo tappeto di piante: uno splendido mosaico.

Madeira funivia
In funivia verso il Jardim Botanico
Madeira Jardim Botanico
Al Jardim Botanico

A ovest del centro sorge il Quartiere degli Hotel, con diversi stabilimenti balneari,ristoranti e locali per la sera. Il nostro hotel Madeira Panoramico si trova qui, in posizione dominante sulla baia, sul mare e su Funchal. Qui si trova una zona con molti locali e ristorantini: noi ricordiamo con piacere lo Chalet Vicente, dove abbiamo gustato un ottimo arroz de pato (riso con anatra) e il tipico Bacalhau (merluzzo). Al pub irlandese Hole in One assaggio la Laranjada, tipo la nostra aranciata: l’aperitivo a Madeira viene servito solitamente con lupini, olive e arachidi. In alternativa agli hotel, si può soggiornare nelle quinta, le residenze signorili d’epoca, oggi trasformate in alberghi i cui lussureggianti giardini sono spesso visitabili anche da chi non è ospite dell’hotel.

Chalet Vicente Funchal
Bacalhau
Madeira Panoramico
Panorama su Funchal dal Quartiere degli Hotel

L’unica agenzia di viaggi che offre escursioni e assistenza con staff presente a Madeira (e in Portogallo) in lingua italiana, ma anche vacanze su misura e ogni tipo di servizio, è Madeira for You, a cui ci siamo affidati noi e che contatteremo nuovamente quando torneremo sull’isola, poichè in Massimo e Nella abbiamo trovato due amici oltre a due guide esperte.

Madeira for You
A Camara de Lobos con Massimo e Nella di Madeira for You

Madeira non è famosa per la vita di mare, per il semplice motivo che offre molto di più, eppure ci sono spiagge dorate come quella di Machico, caratteristico paesino o l’affascinante spiaggia di Garajau, raggiungibile tramite una discesa spettacolare in funivia a picco sul mare. Noi ci siamo andati dopo la visita del Cristo Rei a Canico, sulla Ponta do Garajau, imponente statua che sorge in posizione panoramica proprio vicino all’ingresso della funicolare.

Madeira Cristo Rei Garajau
Il Cristo Rei
Madeira
Funivia che scende alla spiaggia de Garajau

Abbiamo pranzato nel ristorante di pesce fresco O Mero, sulla terrazza che si affaccia sulla spiaggia di ciottoli ed è stata una delle più belle giornate trascorse a Madeira. Dopo Funchal, Canico de Baixo è il secondo centro per vacanze di Madeira. Qui ho assaggiato uno dei piatti tipici, il Bife de atum (cotoletta di tonno con milho frito, cioè tortini di mais serviti fritti). Immancabile ad ogni pasto il bolo do caco, pane all’aglio servito per accompagnare altre pietanze, oppure gustato con ripieno di formaggi e salumi (noi ci rechiamo più volte a Funchal alla Casa do Bolo do Caco)

Camacha è una località famosa per la lavorazione artigianale del vimini, noi visitiamo il laboratorio artigianale Arema e il piccolo museo di articoli intrecciati, all’interno del Cafè Relogio. Davanti si trova l’originale Largo da Achada, una piazza con arbusti e aiuole a forma di persone e poltrone. Ci fermiamo anche a Canical, grazioso paesino di pescatori dove si trova il Museo delle balene, prima di proseguire per la spettacolare Penisola di Sao Lourenco, con le straordinarie formazioni rocciose.

Madeira Penisola de Sao Lourenco
Lo spettacolare panorama della Penisola de Sao Lourenco

Come paesini visitiamo Ribeira Frio dove allevano le trote in un parco aperto al pubblico, Portela con uno stupendo belvedere, Ribeira Brava dove visitiamo la Igreja de Sao Bento e il piccolo forte sempre dedicato a San Benedetto, risalente al 1708 (oggi ne resta solo una tozza torre) e Ponta do Sol, una delle più belle cittadine di Madeira, affacciata sul mare.

Madeira Ponta do Sol
Il caratteristico paesino di Ponta do Sol

Ma quella che ci colpisce di più è Camara de Lobos, addobbata per una delle tante feste estive, dove anche Winston Churchill veniva a dipingere gli stupendi panorami in un miradouro oggi dedicato a lui. Al ristorante Casa do Farol mangiamo un ottimo espada com banana, il pesce sciabola nero, condito con salsa di frutto della passione e banane arrosto, e le sardine grigliate; anche la torta che prendo come dessert è decorata con panna montata e con questo frutto che adoro.

Madeira Camara de Lobos
Espada com banana e milho frito

I luoghi che ci colpiscono di più sono tre. Cabo Girao, una delle falesie più alte del mondo dove è stata costruita una terrazza panoramica completamente in vetro, dal cui pavimento si può fissare l’abisso sotto i propri piedi!

Cabo Girao
Sulla terrazza di vetro di Cabo Girao
Madeira Cabo Girao terrazzo di vetro
Relax, take it easy!

Santana, zona rurale dichiarata riserva della biosfera dall’Unesco, nota per le celebri casas de colmo di origine celtica, le casette dal conico tetto di paglia: se ne possono ammirare molte in questa zona, in una entriamo per gustare una poncha (bevanda di acquavite di canna da zucchero e miele, tipica di Madeira, della quale vado matta nella versione maracuja-il frutto della passione), in un’altra il gentile proprietario ci fa visitare le sue stanze! Un incontro fortunato! Qui pranziamo in un ristorante rustico, la Churrascaria Caldeirao Verde, con il mitico Espetada: giganteschi spiedini di carne di manzo e di pollo.

Madeira Santana
Le casette di Santana
Madeira Santana
Santana e le casette di paglia
Santana Madeira
Espetada di manzo e pollo

Pico do Arieiro, la terza vetta più alta di Madeira con i suoi 1818 metri di altezza: la vista è spettacolare, noi andiamo ben due volte, tanto ci colpisce questo luogo. In circa dieci minuti di auto, passiamo dal mare a questo strepitoso panorama di alta montagna, ci troviamo oltre le nuvole come fossimo in aereo! Vicino alla vetta c’è una stazione radar della NATO. La cima più alta dell’isola è Pico Ruivo.

Madeira Pico do Areiro
Sopra le nuvole!
Madeira Pico do Areiro
Al Pico do Areiro
Madeira Pico do Areiro
Pico do Areiro

Ci sono ancora diversi luoghi da vedere a Madeira, questa piccola isola in mezzo all’Oceano Atlantico che rasenta quasi la perfezione: quando l’aereo decolla, sappiamo che è solo un arrivederci…

Madeira Pico do Areiro
A presto Madeira!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.