La mia voglia di viaggiare

Volo aereo
Dal finestrino dell’aereo…

Era il 1995 e non avevo ancora compiuto 15 anni quando presi il mio primo volo…ricordo che non volevo quasi partire, dopo gli entusiasmi dell’inizio, per una vacanza studio a Oxford con compagne e amiche del liceo. Sarebbe stata la prima volta lontana dai miei genitori per tre settimane, e mentre all’inizio mi sembrava una vittoria per la mia indipendenza poterci andare, dopo aver ottenuto il permesso non mi sentivo più così temeraria. I miei genitori hanno sempre ritenuto importantissimo che io viaggiassi, vedessi il mondo, le differenze, importante tanto quanto studiare.

Volo aereo
Un aereo incrocia l’altro…

Quindi, anche se a malincuore perchè tuttora che sono adulta, siamo inseparabili, volevano che andassi a vedere con i miei occhi le bellezze del mondo. Mi hanno spiazzato! E dopo aver prenotato, tra lacrime mie e indecisioni, hanno insistito affinchè partissi e meno male! Era un viaggio in college, con amiche, con un tutor che ci avrebbe sempre seguito e con la scusa di migliorare l’inglese, oltre che visitare un paese interessante come l’Inghilterra. Tuttora Londra rimane la mia città europea preferita, perchè rappresenta la libertà, la modernità, e un punto di partenza diverso nella mia vita.

La passione del viaggio
In aeroporto a Cipro

Da allora non mi sono più  fermata. Non che prima non girassi, ma sempre in famiglia, in Italia, Svizzera e Francia. Mi ricordo posti visitati all’età di 6 anni, probabilmente ero già propensa a questa passione, ma non sono d’accordo con chi dice che sia inutile viaggiare con dei bambini perchè intanto non si ricorderanno; dipende dall’interesse che mostrano i genitori e dalla loro capacità di far amare quello che vedono e sicuramente anche dal carattere del bimbo.

Comunque sia ho visitato quasi tutta la nostra cara e bella Italia, più volte tornando nelle stesse regioni e negli stessi posti, e ho iniziato a collezionare cartoline da tutto il mondo già alle elementari, sognando di andare un giorno in quei posti, che vedevo anche in tanti film e documentari.

Aeroplano
A mio agio in aereo

Malattia, passione, fobia: ognuno la chiami come vuole e chi mi conosce di persona mi etichetti come meglio crede. Io non ho gli interessi della maggior parte delle donne della mia età (ma anche delle età precedenti e penso a seguire): per me viaggiare non è un hobby a tempo perso, quando si hanno tempo o soldi.

Da Addis Abeba alle Seychelles
In transito ad Addis Adeba, aspettando di ripartire…

Il viaggio per me è  vita, è il vero significato della parola passione, è il senso dei giorni che passano attendendo il viaggio successivo… certo ogni istante di vita è prezioso, ma per me stare ferma è quasi tempo sprecato… perchè oggi ci sono… domani non so… non so se arriverò ottantenne e non ho nessuna intenzione di rimandare a un domani le cose che sogno di fare oggi. Il viaggio è la mia priorità, il viaggio è la mia vita. A chi non mi capisce, non so cosa rispondere, perchè non tutti abbiamo gli stessi occhi, per fortuna. Ma so che non sarei mai felice se non potessi partire.

Con questo mio blog spero di conoscere ed essere seguita da chi la pensa come me, perchè lo so che siamo in tanti, chi sogna di viaggiare e chi riesce a farlo spesso. Spero di dare la carica a chi non ha coraggio di partire, di lasciare, di cambiare, di vedere. Viaggiare da sola, con la famiglia, con il marito o il proprio compagno, con le amiche… non perdete mai l’occasione.

Era il 1995 e presi il mio primo volo, senza timori, con entusiasmo, con fiducia e con grinta. Pensavo che sarei andata a divertirmi, come in vacanza, ma successe molto di più: iniziai una nuova vita, senza saperlo ancora…

Volare alle Maldive
In volo sulle Maldive

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.