Giappone

Dalle gheise di Kyoto al Giappone più autentico

Nel maggio 2013 visitiamo uno dei paesi più belli del mondo: il Giappone. Vi ho già descritto Tokyo, in questo articolo voglio raccontarvi delle visite di alcuni paesini caratteristici, fino alla splendida città di Kyoto, l’essenza del vero Giappone. Maggio è un mese ideale perchè ci sono pochi turisti rispetto al mese di aprile, abbiamo potuto visitare i posti quasi in solitudine e abbiamo trovato sole ininterrotto per due settimane. Sono in compagnia di mio marito e della mia cara suocerina, con la quale vado molto d’accordo e questo resterà uno dei ricordi più belli tutti insieme!

Da Tokyo andiamo a visitare Nikko, patrimonio mondiale dell’umanità, sede di autentici capolavori, partendo con un treno che ci stupisce della pulizia giapponese: ci sono addirittura i poggiapiedi da una parte da usare con le scarpe e dall’altra solo con le calze! Nikko si trova in posizione superlativa, avvolta dalla natura e da splendide cascate.

Giappone
Nikko
Giappone
Il torii nel silenzio del tempio

Ci accoglie il ponte Shinkyo, laccato di rosso, per accedere al Santuario shintoista di Toshogu, una profusione di lamine in oro, colori,dipinti di draghi e sculture, la più famosa quella delle tre scimmie della saggezza: non odo, non vedo, non parlo. Hanno lavorato più di 15 mila artigiani per dipingere, laccare, scolpire questo immenso complesso.

La porta Yomeymon è immensa e decorata nei minimi particolari. Colpisce anche la pagoda a 5 piani all’entrata e l’immenso torii (il tradizionale portale di accesso a una zona sacra, attraversarlo purifica l’anima per poter pregare i kami, gli spiriti del tempio: i kami non sono solo gli dei, ma anche gli uomini dopo la loro morte e anche concetti più astratti come la salute, i soldi, il vento…).

Giappone
Il ponte Shinkyo
Giappone
Ci si lava con i mestoli, per purificarsi
Giappone
Le tre scimmie
Giappone
Accostamento di abiti moderni e tradizionali a Nikko

Ci si lava le mani all’entrata, in una fonte sacra con dei mestoli, come negli altri templi che visiteremo in Giappone. Assistiamo al rito dell’incenso particolarmente caro ai giapponesi, alle loro preghiere e alle placche di legno con scritti i desideri da richiedere ai kami,che vengono attaccati alle entrate dei templi.  Si entra a piedi nudi. Essere scintoisti è come essere giapponesi, è una tradizione radicata nel mondo nipponico, è la religione nazionale senza sacre scritture, predicazione o fondatori. Tramite preghiere, offerte e purificazione, si tengono lontani gli spiriti maligni. Lo scintoismo è allegria, gioia di vivere, spesso si tengono anche banchetti e feste.

Giappone
Girando nel complesso di Nikko
Giappone
Una preghiera
Giappone
Particolari nei templi

Troviamo anche una scolaresca giapponese, i bambini camminano perfettamente allineati, già da piccoli sono di una precisione pazzesca! Imperdibili il santuario di Futarasan-jinja e il mausoleo di Taiyiuinbyo, in cima a una ripida salita dalla quale avrete un bellissimo panorama, circondati da una foresta di cedri e statue di guardiani.

Giappone
Salendo al mausoleo, la lunga scalinata con uno stupendo panorama
Giappone
Puliscono e sistemano le pietre dei giardini, una per una… la precisione di questo popolo è straordinaria

Il Tempio di Rinno-ji infine, è famoso per le tre statue di Buddha decorate in oro, tra le quali la più grande di tutto il Giappone, e il bellissimo giardino zen dove passeggiare e ci gustiamo i biscottini ripieni di fagioli azuki ancora caldi, preparati davanti a noi. Ne porteremo anche a casa, ripieni di altre golosità, come il tè verde o la cioccolata.

Giappone
Fagottini e biscotti ripieni di cioccolata o dei tipici fagioli azuki
Giappone
Giardino zen curato nei minimi particolari

Nikko è meravigliosa e abbiamo dedicato un giorno intero per girare tra i templi, è in assoluto la prima escursione da non perdere. La seconda per noi immancabile, è la visita di Kamakura, sempre organizzata partendo da Tokyo, ad un’oretta di treno. Noi ci dirigiamo direttamente all’ attrazione principale, il Grande Buddha di bronzo o Daibutzu, costruito per rivaleggiare con quello di Nara.

Giappone
Il Daibutzu
Giappone
Particolare del Grande Buddha di bronzo
Giappone
Molto più grande di me!
Giappone
Visto di lato

Il Daibutzu è rappresentato seduto in posizione di loto ed è una delle cose che mi ha colpito di più del Giappone: già in Thailandia amavo vedere le statue del Buddha, il buddismo è una religione che mi affascina molto per la loro pace e calma. Siamo entrati all’interno della statua, per vedere meglio la costruzione. Pranzo a base di sushi, in un tipico ristorante con i piattini a scelta che girano su di un rullo.

Kyoto
Classico ristorante di sushi, con i piattini che girano su un rullo
Kyoto
Tanti maneki neko, i gattini portafortuna! Il mio souvenir preferito! Ho riempito casa!
Kyoto
La mia passione: i maneki neko! Appena ne vedevo, scattava la foto insieme!

In seguito, passeggiamo per la piacevole cittadina, tra i famosi templi e le vie caratteristiche, facendo merenda e acquistando dolci nelle tipiche pasticcerie. Sembra di tornare indietro nel tempo, Kamakura è molto caratteristica, con i risciò che trasportano le persone, donne in kimono che passeggiano con l’ombrellino per riparare la pelle dal sole e cagnolini all’interno di carrozzine come i bambini!

Kyoto
Bau! Anche io viaggio comodo!
Giappone
Dolci in pasticceria
Giappone
Il caratteristico kimono, ancora molto utilizzato in tutto il Giappone
Giappone
Tradizione a Kamakura
Kyoto
I rinomati ventagli giapponesi

Dopo i giorni passati a Tokyo e le visite di Nikko e Kamakura, ci spostiamo a Kyoto con il velocissimo (e pulitissimo: assistiamo in diretta alle pulizie del treno, sembra uno spettacolo di teatro!) shinkansen, i treni ad altissima velocità giapponesi, godendo lungo il tragitto della visita del maestoso monte Fujiyama. In meno di tre ore, siamo arrivati, attraverso panorami idilliaci e casette di campagna. L’ultima tappa del viaggio sarà nella città di Osaka.

Giappone
Vista del mon te Fuji dallo shinkansen

Alla stazione, prendiamo i bento, le scatole con diversi pezzi di sushi che qui sono un’abitudine durante gli spostamenti o le veloci pause pranzo, e anche qualche onigiri, i triangolini di riso e pesce avvolti nelle alghe, dei quali io sono innamorata! Li mangio durante il giorno e a colazione! Non si capisce cosa ci sia dentro, visto che come al solito è tutto scritto in giapponese, ogni colore rappresenta un gusto, ma non importa: mi piacciono tutti e mi mancano tanto in Italia!

Giappone
Onigiri a sorpresa

Un’altra cosa che mi manca, è il buonissimo tè verde, sia freddo che caldo, fatto con il matcha, superiore a qualsiasi altro tè verde. Sono riuscita a trovarlo originale anche in Italia, in polvere, però in Giappone me lo sono gustato in ogni modo, anche negli alimenti come gli spaghetti o i dolci, soprattutto il gelato che piaceva molto a tutti e tre!

Giappone
La mia colazione
Kyoto
Il mio bento in treno da Tokyo a Kyoto
Giappone
Il mitico gelato al tè matcha

Kyoto non è una metropoli come Tokyo, ma è ugualmente immensa, per cui prepariamo da casa un itinerario per visitare le cose che ci interessano di più, insieme a una guida giapponese disponibilissima: con lei che conosce a memoria la città, riusciremo a organizzare bene le giornate. Ci fermiamo a Kyoto 5 giorni, visitandola e concedendoci un’escursione di un giorno a Nara (più un’altra gita a Hiroshima e Miyajima, di cui vi parlerò nel prossimo articolo sul Giappone).

Giappone
In giro per Kyoto, abiti tradizionali
Giappone
I risciò

Ci concentriamo su quel che più ci interessa, il mio consiglio è scegliere: a meno che non siate appassionati di templi e vogliate vedere ogni giardino zen (in questo caso non vi basterebbe un mese fermi a Kyoto!), dopo che ne avrete visti uno, due, tre, quattro… può bastare. Quello che colpisce di Kyoto è l’atmosfera antica che si percepisce tra i suoi giardini zen in piena città, nel fruscìo dei kimono e dei risciò, nello scalpiccìo di passi delle gheise… Qui ci sono ancora i famosi quartieri di gheise, che non ci perdiamo assolutamente, dopo averli visti nei film e immaginato per anni di incontrarle dal vivo…

Giappone
Con la nostra guida per le stradine caratteristiche di Kyoto
Giappone
Bellissima Kyoto…

Gion è uno dei quartieri di gheise più tradizionali, con le antiche case da tè frequentate da gheise, maiko ( l’apprendista gheisa) e uomini d’ affari. Qui abbiamo passato una serata, in uno dei locali tipici, per assaggiare lo shabu shabu, fette di carne accompagnata da diversi piattini di verdure, riso e salse, da intingere in una pentola sul fuoco posta davanti a noi, da mangiare  cotte come si desidera.

Giappone
Il ristorante dove mangiamo lo shabu-shabu a Gion
Giappone
Shabu – shabu
Kyoto
La cucina kaiseki, la più raffinata e costosa in Giappone, formata da tanti assaggi, sempre presente nei locali di Gion

Non ci siamo persi lo spettacolo al teatro Gion corner, dove vengono proposte le arti giapponesi più importanti: assistiamo a una cerimonia del tè, alla composizione dell’ ikebana ( arte di disporre i fiori), alla commedia classica e al teatro delle marionette (bunraku), la musica di corte, l’arpa koto e la danza delle gheise. A parte durante lo spettacolo, avvistare una gheisa non è facile, camminano veloci, passano da una casa all’altra e non si fermano per farsi fotografare.

Giappone
Ikebana a suono dell’arpa
Giappone
Bunraku
Giappone
Spettacolo di gheishe
Giappone
L’ipnotica danza della gheisa
Japan
Teatro giapponese
Giappone
Una gheisa passa di corsa per Gion…

Un’altra serata la passiamo nell’altro famoso quartiere di gheise, Pontocho, dalle basse case di legno illuminate dalle lanterne rosse e con un’atmosfera sensuale che rievoca un antico passato.

Giappone
Gli stretti vicoli di Pontocho, nei quali speri sempre di vedere una gheisa…
Kyoto
Piatto di sashimi, pesce crudo

Spettacolari a Kyoto sono il Padiglione d’oro ed il Padiglione d’ argento, in due zone differenti della città. Il tempio di Kiyomizu – dera è in posizione panoramica, costruito su palafitte di legno, domina la città dall’alto con panorama sulla valle. Qui ci fermiamo per una preghiera, dopo aver tolto le scarpe. L’ascesa al tempio è fiancheggiata di negozietti tipici, che vendono ventagli, bamboline, i gattini portafortuna (maneki neko) e kimono.

Giappone
Il panorama da Kyomizu – dera
Japan
Il tempio Kyomizu – dera
Giappone
All’interno del tempio
Giappone
In preghiera
Giappone
Un monaco chiede un’offerta al tempio
Japan
Particolare nel tempio
Japan
Girando nel tempio… le tavolette con le richieste ai kami

Dopo aver visto il film ” Memorie di una gheisa”, mi sono innamorata del santuario Fushimi – Inari – jinja, con le statue di volpi, famoso per gli innumerevoli torii posti uno di seguito all’altro per un sentiero di circa 4 km, che conduce al santuario interno. Era il luogo di Kyoto che più desideravo visitare. Attraversare i torii rossi nel silenzio della natura resta per me uno dei momenti più indimenticabili.

Giappone
Santuario Fushimi – Inari jinJa
Giappone
La fila lunghissima di torii rossi… il mio posto preferito a Kyoto…
Kyoto
Bellissimo camminare qui sotto…
Kyoto
Proviamo anche noi a dire una preghiera
Kyoto
Il tempio con le volpi

Qui troviamo anche le bambole daruma, senza gambe nè braccia. Gli occhi sono dei cerchi bianchi, bisogna disegnare un solo occhio esprimendo un desiderio; se questo si avvera, si disegnerà il secondo occhio. Rappresenta l’ottimismo e la determinazione.

Kyoto
Bambole daruma

Nel pomeriggio, dopo aver mangiato un ottimo piatto di spaghetti udon in brodo, percorriamo la Passeggiata dei filosofi, un piccolo viale dove un filosofo era solito venire a meditare: mio marito ed io siamo entrambi laureati in filosofia e ci siamo divertiti  a fare diverse foto passeggiando. Ovviamente, foto molto sagge!

Giappone
Spaghetti udon con carne
Kyoto
Una delle mie ottime cene a Kyoto

Il castello di Nijo, residenza degli shogun Tokugawa, mi ha colpito molto per il bellissimo giardino, per le numerose opere d’arte ma soprattutto per i “pavimenti dell’usignolo” che avevano funzione di difesa: camminando a piedi scalzi, produce un suono simile ad un usignolo che canta, e avvertiva della presenza di intrusi all’interno del castello.

Giappone
Giardino del castello di Nijo

Spesso le ragazzine mi fermano per fare una foto insieme: è divertente e la guida mi spiega che la pelle bianchissima e i capelli biondi sono molto apprezzati.

Giappone
Che carine!

Dalla città di Kyoto, organizziamo l’escursione alla cittadina di Nara, piccola e raggiungibile in un’oretta di treno. Basta una giornata per visitarla, perchè i templi sono tutti raccolti nella strada che porta al Tempio di Todaiji, patrimonio mondiale dell’umanità, la costruzione in legno più grande del mondo, contenente il gigantesco Buddha.

Giappone
Il Tempio di Todaiji
Giappone
Il gigantesco Buddha

Una caratteristica della cittadina, sono i cervi in piena libertà all’interno del parco. Nei paesini quasi nessuno parla inglese e anche i cartelli sono in giapponese, per fortuna lo sapevamo e ci siamo informati già da casa su cosa fare o no con i cervi che, essendo sacri, vanno trattati con molto rispetto, si possono accarezzare e dar loro da mangiare, acquistando nelle bancarelle che troverete ovunque. Qui abbiamo trovato l’unica giornata leggermente nuvolosa, ma nel pomeriggio è tornato il sole!

Giappone
I cervi sacri affamati all’assalto dei nostri biscottini!
Giappone
I cervi sono liberi e passeggiano per Nara

La cucina tipica di Kyoto è detta obanzai e la proviamo una sera, è caratterizzata da cibi tradizionali e molte verdure di stagione; per il resto mangiamo dal sushi al tempura, fino ai tipici udon e una volta anche in un ristorante italiano.

Come già descritto nell’articolo di Tokyo, tanti ristoranti hanno i piatti riprodotti in vetrina per poter scegliere indicando quello che si desidera e in diversi posti ci si deve togliere le scarpe per sedersi a mangiare in modo tradizionale: sui cuscini intorno ad un tavolo basso. Nella maggioranza dei posti hanno i tavoli e le sedie come da noi, oppure la scelta tra i due diversi modi di sedersi per mangiare: un angolo dedicato a chi preferisce mangiare accovacciato sui cuscini e un altro classico con le sedie.

Giappone
Ceniamo in questo ristorante di cucina tipica obanzai
Japan
Dopo aver scelto i piattini, entriamo a mangiare
Kyoto
Mi divertivo ad indicare il piatto che volevo mangiare e la cosa pazzesca è che i giapponesi lo riproducono completamente identico!
Kyoto
In molti posti, si tolgono le scarpe per mangiare seduti su cuscini

Questa è la seconda parte del mio viaggio in Giappone, paese stupendo, affascinante, in cui ho passato giorni bellissimi! A Kyoto abbiamo soggiornato all’hotel Granvia, con camere immense e vista sulla città: lo consiglio perchè in ottima posizione, sopra alla stazione e con 10 piani di centro commerciale, comodissimo per spostarsi al mattino e con tantissimi ristoranti e negozi a disposizione.

Giappone
Scorcio di Nara
Giappone
Kyoto di sera

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.