Adams Beach Hotel Deluxe Wings

Cipro, l’isola divisa: la parte greca

Cipro è la terza isola del Mediterraneo, dopo Sicilia e Sardegna, per estensione. Ci vogliono quindi parecchi giorni per visitarla bene e potersi anche dedicare alle meravigliose spiagge, merita cambiarle ogni giorno, come si fa per esempio a Minorca o Rodi.

Ci sono tanti siti e città da visitare, che sarebbe un peccato limitarsi a fare vita da spiaggia. E’una meta secondo me, come Creta o Madeira, da girare in lungo e in largo.

Nissi Beach
La splendida Nissi Beach con il suo caratteristico isolotto raggiungibile a piedi

Noi siamo stati nell’agosto 2018, con l’idea di vedere le cose principali, quelle che ci interessano di più, ma anche riposare. Dista circa 3 ore e mezza di volo dall’Italia ed è poco distante dalle coste turche e mediorientali: un paio di mesi prima ero passata in aereo sopra l’isola per andare in Giordania e avevo iniziato a pensare ad essa come prossima meta, anche se l’avevo già in mente da qualche anno.

Cipro
Le chiesette disseminate per Cipro…alle mie spalle, Nissi Beach, la spiaggia più famosa dell’isola

La storia di Cipro è complessa, dominata da greci, romani, ottomani, bizantini, veneziani, fino all’invasione turca del 1974. Da questa data, l’isola è divisa in due: la Repubblica di Cipro greco-cipriota riconosciuta dall’Unione Europea a sud, e l’autoproclamata Repubblica Turca di Cipro del Nord, occupata dai turchi-ciprioti, riconosciuta solo dalla Turchia.

Una cosa importante da tenere a mente, è di non attraversare il confine tra Nord e Sud se non nei punti di attraversamento ufficiali e ben segnalati, dove c’è il controllo dei passaporti. Una “Linea Verde” delimita i confini tra le due parti e divide Cipro da est a ovest. Non varcare le aree militari senza permesso, non fotografare i militari e i checkpoint ufficiali.

Cipro, come Istanbul, rappresenta un collegamento importante tra Occidente e Oriente, essendo situata tra tre continenti (Europa, Asia e Africa). Anche per questo è un’isola affascinante e completa, capace di accontentare i gusti di tutti.

Cipro Sud
il Teatro romano a Kourion

I siti archeologici da visitare assolutamente sono: Choirokoitia, sito preistorico tra i più importanti del Mediterraneo, sotto la tutela dell’Unesco; l’antica Kourion con il Teatro Romano, la Villa di Eustolio e la Basilica Paleocristiana; Paphos, la principale destinazione turistica dell’isola, con il Castello a guardia del porto: imperdibili il Parco Archeologico (con la famosa Casa di Dionisio, i bellissimi pavimenti a mosaico, le Tombe dei Re) e la Basilica di Chrysopolitissa, tutto patrimonio mondiale dell’umanità Unesco.

Pafos
La Basilica di Chrysopolitissa a Pafos

Per chi ama la natura e fare trekking, nel centro dell’isola si trovano i Monti Troodos, dove svetta il Monte Olimpo. Qui sorgono anche importanti testimonianze bizantine, diverse chiese e un monastero dichiarati patrimonio dell’umanità dall’Unesco. Merita visitarle tutte, soprattutto la chiesa di Agios Ionannis. Non fatevi ingannare dalla semplicità dell’esterno, la ricchezza degli affreschi è all’interno di queste chiese, come la Chiesa di Boyana a Sofia in Bulgaria! Merita una visita anche Kykkos, il monastero cipriota più importante dell’isola.

Cipro Aya Napa
Monastero di Aya Napa

Le cittadine più importanti sono Limassol, Larnaka (qui si trova la Chiesa dedicata a Lazzaro di Betania e la Grande Moschea), la già citata Paphos e Aya Napa, paesino molto turistico noto per il monastero, il luna park e la vita notturna: dopo Ibiza e Mykonos, è la terza zona del Mediterraneo più gettonata per i giovani di tutto il mondo!

Qui è possibile trovare ristoranti, discoteche, pub, hotel di lusso e divertimenti di ogni genere, oltre ad alcune delle spiagge più belle dell’isola, come Nissi Beach, Landa e Macronissos (con la necropoli contenente 19 tombe scavate nella roccia). Anche noi abbiamo scelto di soggiornare di fronte a Nissi, in uno dei pochi hotel con spiaggia privata di Cipro, in modo da poter avere anche privacy, quasi impossibile in questo periodo dell’anno: Adams Beach Hotel Deluxe Wing.

Adams Beach Hotel Deluxe Wings
Una caletta a Cipro

Nissi Beach è considerata la spiaggia più bella di Cipro, caratterizzata da soffice sabbia, acque basse e trasparentissime, ed il tipico isolotto raggiungibile a piedi, passeggiando nella laguna azzurrissima. Qui si concentra la movida di Cipro, con aperitivi continui, giochi d’acqua e musica alta a tutte le ore.

L’acqua trasparente di Nissi Beach
Nissi Beach
Nissi Beach vista dall’isolotto

Altre spiagge bellissime sono Protaras, Petra to Romiou con i due faraglioni, dove la leggenda narra sia nata la dea Afrodite, e la spiaggia di Lara, dall’elevatissimo valore ambientale: qui nidificano infatti le tartarughe marine. E’ un’isola veramente stupenda e con paesaggi variegati.

Cipro
Landa Beach

Uno spettacolo è il Lago Salato vicino a Larnaka, l’ideale per gli amanti del birdwatching, ma non durante il periodo estivo: uccelli e fenicotteri rosa migrano qui solo tra febbraio e marzo.

Afrodite Petra tou Romiu
Petra tou Romiu, dove la leggenda narra che nacque Afrodite

Un discorso a parte merita la capitale di Cipro, Nicosia (Lefkosia), l’ultima capitale al mondo ancora divisa, come era un tempo Berlino, monitorata ancora oggi dalle Nazioni Unite. Di cose da fare ce ne sono molte, spazi d’arte, caffè alla moda, hammam, negozi, le bellissime mura veneziane ancora in piedi, diversi musei e gallerie d’arte, tra cui il Museo di Cipro, edifici coloniali, diverse chiese e moschee…

Cipro
Mura veneziane a Nicosia

I checkpoint sono aperti 24 ore su 24, anche qui si deve mostrare il passaporto come quando si attraversa il confine tra Cipro Sud e Cipro Nord (l’attraversamento pedonale più celebre è quello di Ledra Street, la via più animata della città); tra i controlli greci e quelli turchi, si trova la Buffer Zone, una zona cuscinetto controllata dall’Onu dove non è possibile scattare fotografie.

Cipro Nicosia
Nicosia, nella parte greca

Nel momento in cui si passano i controlli, si viene catapultati in una dimensione completamente diversa: dalla parte greca, con le boutique, le gelaterie, le chiese e i bar, ci si trova in vicoli che ricordano i suk di Marrakech, con botteghe, miriadi di prodotti esposti, il caravanserraglio Buyuk Han, la Chiesa armena e le moschee.

Cipro confine nord e sud
Alle mie spalle, i controlli greci: sono ormai nella parte turca della città.

Il muezzin che invita alla preghiera ci accoglie già mentre mostriamo il passaporto ai controlli e scegliamo di pranzare nella parte turca, notevolmente più economica, in un ristorante bellissimo, Bibliotheque, alla moda, in una via riparata da un tetto d’ombrelli (ormai diventato caratteristico in diverse città del mondo!) La differenza tra Cipro Sud e Nord la si nota anche nei prezzi: in generale Cipro non è un’isola economica, come la Grecia in generale, ma nella parte turca tutto può costare anche la metà, dai bellissimi resort ad una cena al ristorante. Nicosia mi è piaciuta molto, l’ho trovata affascinante e merita sicuramente un giorno intero, anche se ad agosto il caldo è veramente forte: noi abbiamo trovato una differenza di quasi 7/8 gradi rispetto alla costa!

Nicosia
Nicosia

La cucina di Cipro risente delle influenze turche e greche, possiamo quindi gustare i classici piatti della cucina greca (moussaka, souvlaki, dolmades…) e le pietanze tipiche mediorientali (kebab o gyro, hummus, il dolce baklava…)

Cipro
La moussaka greca, composta da melanzane, patate, carne e besciamella

Ma l’esperienza culinaria imperdibile è una cena a base di mezedes (o meze), una grande quantità di portate a base di carne, verdura, pesce, formaggi, serviti sempre con il tradizionale pane (la pita), insalata, olive e varie salse tra cui l’hummus e il purè di fave. Alcuni di questi piatti golosi li abbiamo assaggiati anche in Giordania. Noi li abbiamo gustati nella tradizionale Cyprus Taverne Meze House.

Meze, antipasti caldi e freddi
La nostra cena a base di varie meze (qui vedete solo una piccola parte!)

Tra i  ristoranti che vi consiglio (ma ce ne sono un’infinità) lungo la strada principale di Aya Napa, Avra Restaurant, il Wild West Restaurant, alla pizzeria Atlas e, con musica dal vivo, Stratovarius.

All’interno del nostro hotel, vi consiglio la tipica taverna cipriota Vala, una cena orientale sul mare al Socci Sushi e, se volete una cena elegante in un ambiente raffinato e con spettacolare vista sul mare, uno dei migliori ristoranti a Cipro è il Glasshouse.

A Paphos, siamo stati da Harbour Cafè Restaurant.

La vacanza a Cipro è letteralmente volata tra le tante cose da fare, abbiamo cercato di vedere il più possibile, siamo riusciti anche a concederci un piccolo giro nella parte turca a Nord e sicuramente, è un’isola che non delude!

Adams Beach Hotel Deluxe Wing
Cena gourmet al Glasshouse

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.